FamigliaProdotti antitraspiranti

Tuo figlio emana cattivo odore: fai la scelta giusta!

Tuo figlio adolescente ha un cattivo odore di sudore e non sai cosa fare? La soluzione c’è ed è più facile di quanto tu possa immaginare.

Il primo step per intervenire sul cattivo odore di sudore di tuo figlio adolescente è capire perché il suo corpo emana un olezzo così sgradevole all’improvviso, ed evitare di colpevolizzarlo perché non ha una buona igiene: è vero che alla sua età magari non ha un gran feeling con acqua e sapone, ma del resto è lo stesso che aveva fino a poco tempo fa quando, da bimbo, pur sudando, non puzzava. E allora qual è il motivo di questo cambiamento?

 

Semplice, è diventato un adolescente, e in questa fase della sua vita ha una grande quantità di ormoni in circolo che sollecitano l’azione delle ghiandole sudoripare, che secernono sudore abbondante, ricco di sostanze grasse e proteine di cui i batteri vanno ghiotti. E’ da questo meccanismo che nasce il cattivo odore di sudore dei ragazzi! Certo, l’igiene è importante per lavare via questi batteri in eccesso, ma può comunque non bastare.

 

Devi anche valutare la quantità, oltre che la qualità, del sudore di tuo figlio: magari ha una sudorazione particolarmente abbondante, e non è un caso che l’iperidrosi si sviluppi proprio durante la pubertà, probabilmente in conseguenza dei cambiamenti ormonali. Tra i sintomi rivelatori si possono individuare una sudorazione improvvisa e in eccesso a livello delle ascelle, delle mani, dei piedi, ma anche del viso e del cuoio capelluto. E questo indipendentemente dalla temperatura esterna. L’iperidrosi non va trascurata, perché può comportare un forte disagio in chi ne soffre, soprattutto se in un’età già di per sé difficile come quella dell’adolescenza. Fai attenzione ai segnali che ti lancia tuo figlio, ed eventualmente parlane con il medico!

 

In tutti i casi, visto che i ragazzi passano molto tempo in mezzo agli amici e ai compagni di scuola, per non farli sentire in difficoltà sia con il sudore che con il suo cattivo odore, la scelta giusta è quella di trovare un antitraspirante adatto alle loro esigenze e rispettoso della loro pelle giovane e delicata: un buon prodotto non solo può evitare le abbondanti chiazze di bagnato sulle magliette o le mani scivolose, ma può preservare anche dal cattivo odore. Insomma, deve trattarsi di una deodorazione e di un’antitraspirazione efficace ma al tempo stesso sana.

cesta vestiti sporchi

Parla con tuo figlio di questa opportunità, offrendogli comprensione e un aiuto concreto. Fagli provare un prodotto che possa agire sia sulla produzione di sudore, sia sulla proliferazione batterica responsabile del cattivo odore. In commercio ce ne sono di ottimi anche con tipologie consuete, ad esempio in spray, roll-on o vapo: queste formulazioni sono studiate appositamente per il problema dell’iperidrosi, ma proprio perché sono sotto forma di cosmetici “comuni” possono fargli percepire meno la “specificità” ed evitare di farlo sentire diverso, sottolineando la sua condizione. Se anche tu soffri di sudorazione abbondante, dai il buon esempio e utilizzali anche tu.

 

Nella scelta dell’antitraspirante, accertati che si tratti di un prodotto adatto ai giovanissimi, privo di sostanze potenzialmente irritanti; alcune formulazioni sono particolarmente delicate e utilizzabili circa dopo 24 ore/il giorno successivo dopo la depilazione delle ascelle, purché applicate su pelle integra.

 

Insegna infine a tuo figlio a tenere sotto controllo l’odore adottando una buona routine di igiene personale, soprattutto se fa sport, e utilizzando un abbigliamento in cotone anziché sintetico. A fine giornata, ricordagli di depositare la maglietta indossata nella cesta del bucato e di non riutilizzarla il giorno dopo! Tutte queste cose diventeranno automatiche quando sarà un po’ più grande e starà vivendo la sua prima “cotta” ma, se al momento questa non è una sua priorità, con dolcezza puoi diventare tu il suo punto di riferimento.

Condividi:
Perspirex