Iperidrosi / Sudorazione eccessivaUomini

Iperidrosi e salute

iperidrosi e salute

L’iperidrosi è pericolosa per la salute? Sostanzialmente no, ma questo non significa trascurarla.

Dal punto di vista del benessere mentale è innegabile che la sudorazione eccessiva possa avere un forte impatto emotivo e peggiorare una situazione di ansia. Ma, al di là di questo, si può affermare che l’iperidrosi comporti conseguenze gravi per la salute? In linea generale no. A livello cutaneo possono manifestarsi delle reazioni spiacevoli: nulla di particolarmente serio, ma certamente episodi fastidiosi che, per quanto possibile, è opportuno prevenire.

L’umidità costante di alcune aree, come ad esempio le mani o i piedi, può favorire dermatiti, anche da contatto, dermatosi e infezioni vere e proprie. E’ il caso del cosiddetto “piede d’atleta” (o tinea pedis o tricofitosi) ovvero una micosi dovuta a funghi che si insinua essenzialmente tra le dita dei piedi provocando prurito, desquamazione, arrossamento, fino anche a vere e proprie ulcere cutanee.

uomo1Il sudore facilita anche direttamente la macerazione della pelle, con l’insorgenza di patologie come l’intertrigine, un problema infiammatorio piuttosto frequente, caratteristico delle pieghe della pelle poste sotto frizione continua, come ad esempio le ascelle. Senza contare poi che l’umidità favorisce il proliferare di batteri che danno origine al cattivo odore intenso, tipico del sudore.

Se l’iperattività dei nervi che regolano la sudorazione influisce sulla microcircolazione, allora mani e piedi possono risultare freddi mentre sudano: non è un problema di salute, ma di certo si tratta di un effetto collaterale abbastanza spiacevole.

Tra le altre conseguenze dell’iperidrosi troviamo sicuramente i raffreddori e le influenze: in inverno quando fa freddo, o in estate se si staziona in ambienti con aria condizionata, andare in giro con gli indumenti bagnati, cosa che accade spesso a chi soffre di sudorazione eccessiva alle ascelle e al busto, può essere sinonimo di qualche malanno di stagione. Anche in questo caso nulla di irreparabile, ma che sarebbe meglio evitare.

C’è poi l’importante discorso della disidratazione. Perdere molti liquidi con la sudorazione non significa necessariamente disidratarsi: certo è che, insieme all’acqua, l’organismo perde anche preziosi sali minerali, come ad esempio il magnesio o il potassio, che sono necessari al suo corretto funzionamento. Se ci si idrata normalmente, ovvero si mantiene il fisiologico equilibrio idrico, rischi non ce ne sono. Ma se si beve troppo poco e dunque non si riesce a compensare la perdita di liquidi dovuta al sudore in eccesso, allora il discorso cambia. Per ovviare ai problemi di disidratazione bisogna bere almeno 2 litri di acqua al giorno, anche di più se si soffre di iperidrosi, e optare per un’alimentazione ricca di frutta e verdura.

In tutti i casi, laddove il sudore rappresenti una costante nella propria vita, è sempre opportuno cercare di prevenire le complicanze, attraverso uno stile di vita più adeguato che comporti una dieta specifica, la perdita di peso, un’igiene personale attenta e un abbigliamento fresco a base di fibre naturali piuttosto che sintetiche, il tutto ovviamente abbinato all’utilizzo di prodotti antitraspiranti e/o deodoranti: si trovano disponibili in varie formulazioni, dagli stick ai roll-on, dagli spray no gas alle creme antitraspiranti.

Condividi:
Perspirex