Consigli utiliDonneSudorazione occasionale

Cosa mangiare per sopravvivere alla sudorazione eccessiva

Alla scoperta degli alimenti che possono aggravare un problema di sudorazione e di quelli che, invece, aiutano a contenere la situazione e diluire il sudore.

Ciò che mangiamo può influenzare in positivo o in negativo la sudorazione. Sappiamo infatti che alcuni alimenti, come ad esempio il peperoncino, possono scatenare la sudorazione e che altri, come l’aglio, tendono a renderne l’odore particolarmente sgradevole. Al contrario arricchire la propria dieta di alcuni cibi può aiutare a migliorare la situazione. Ecco dunque consigli ed alimenti In & Out per sopravvivere alla sudorazione eccessiva con la dieta.

 

OKCIBI OK

 

Acqua

A differenza di ciò che si crede, bere non aumenta la sudorazione. Al contrario, è importante per non rischiare la disidratazione dovuta alla perdita di liquidi e sali minerali, diluisce le tossine che altrimenti rimarrebbero concentrate nel sudore, ma soprattutto bere aiuta a prevenire la sudorazione eccessiva. Sembra incredibile, ma non lo è. Il perché e il come sono facili da comprendere se si pensa al motivo per cui si suda. Il corpo umano con questo meccanismo regola la sua temperatura corporea: più l’organismo è idratato e più la temperatura è in equilibrio, per cui non scatta l’autoregolazione del sudore. Più invece l’organismo deve lavorare per equilibrare la sua temperatura, più produce sudore. Avere una buona idratazione aiuta invece a contenere il problema. E’ preferibile bere acqua: succhi di frutta con zuccheri aggiunti, seppur buoni ed energizzanti, possono infatti contribuire in un regime dietetico errato all’accumulo di chili di troppo, che non è mai un bene, neppure per la sudorazione.

 

Alimenti ricchi di calcio

Facilitano l’autoregolazione della temperatura corporea e dunque possono aiutare a ridurre la sudorazione: via libera a yogurt magro, frutta secca in guscio (occhio però alle calorie!), fagioli, soia, spinaci e altri vegetali a foglia verde. Quanto a questi ultimi, tra i più ricchi di calcio troviamo senz’altro i broccoli, le rape, le verze, i cavoli, i cavolfiori e le crucifere in generale, che dunque fanno benissimo dal punto di vista della termoregolazione ma che, contemporaneamente, possono contribuire a rendere più forte l’odore di sudore. Insomma, come si suol dire: “croce e delizia”.

 

Frutta e verdura

Se ci si misura la temperatura subito dopo mangiato, questa risulterà leggermente alterata: l’organismo fatica nella digestione e, proprio come accade durante un’attività sportiva, la temperatura tenderà a salire favorendo la sudorazione come fisiologica autoregolazione. Frutta e verdura sono ricche di acqua, vitamine e sali minerali, con poche calorie. Sono facili da digerire e dunque non sollecitano una maggiore sudorazione, anzi, aiutano a tenerla sotto controllo: le vitamine del gruppo B che caratterizzano la maggioranza di questi alimenti, favoriscono infatti un corretto e attivo funzionamento del metabolismo.

 

Olio d’oliva

L’olio d’oliva aiuta la digestione, dando modo all’organismo di “lavorare” meno nel tentativo di scomporre i cibi e metabolizzarli. Nelle giuste quantità, magari per condire a crudo un’insalata, questo alimento è prezioso per non peggiorare una sudorazione già abbondante.

 

Latte scremato e altri alimenti light

Poiché i cibi grassi rallentano il metabolismo, se si soffre di sudorazione eccessiva è preferibile usare latte scremato al posto di quello intero. Allo stesso modo andrebbero banditi dalla dieta anche il burro e tutti gli alimenti trasformati (pane bianco, cioccolato, panini da fast food, fritti ecc.) che hanno lo stesso effetto: per digerire questi cibi l’organismo deve lavorare sodo, con conseguente input alla sudorazione. Meglio preferire alimenti più naturali, meno industriali e meno elaborati.

 

 

NOCIBI NO

 

Il sale in eccesso

Quando si mangia salato, l’organismo attiva fisiologicamente una maggiore sudorazione per sbarazzarsi del sodio in eccesso (che, tra l’altro, non fa bene neppure alla pressione sanguigna). Meglio diminuire le quantità a tavola e stare lontani dagli snack salati e in generale dagli alimenti che contengono sale occulto. Più si dà un taglio al sale, più si dà un taglio al sudore!

 

Peperoncino, caffè e alcol

I cibi piccanti fanno sentire caldo? Ebbene sì e l’organismo reagisce di conseguenza: attiva il suo sistema di autoregolazione della temperatura corporea. Lo stesso accade con la caffeina, che è uno stimolante capace di sollecitare il sistema nervoso centrale e attivare le ghiandole sudoripare, o l’alcool, che è vasodilatatore. Si tratta di alimenti che andrebbero evitati se si soffre di sudorazione eccessiva. Per il sudore, sono l’equivalente di un interruttore per la luce di una lampadina: più si assumono e più si suda!

 

Aglio e cipolle

Non aumentano la sudorazione, ma contribuiscono sicuramente al suo cattivo odore. In genere andrebbero evitati tutti quegli alimenti dall’odore forte, ma anche quelli particolarmente grassi o elaborati come patatine fritte, insaccati, formaggi, salse ecc.: il che sarebbe un bene per la salute, a prescindere dal sudore.

 

Per concludere, due curiosità:

  • Se non riesci o non puoi fare a meno di mangiare aglio, sceglilo fresco anziché secco: ha un impatto meno “strong” sull’odore
  • Quanto alla cipolla, più è scura e più è forte il suo odore
Condividi:
Perspirex